Search

Blog

Zero & Company / Curiosità  / [:it]Da bottega di Paese a grande realtà imprenditoriale – Il video racconto dei 50 anni di storia di Zero&Co.[:]
50 anni di storia di zero&co

[:it]Da bottega di Paese a grande realtà imprenditoriale – Il video racconto dei 50 anni di storia di Zero&Co.[:]

[:it]

“Era il 1973 e tutto è partito da una piccola bottega nel cuore di Terlizzi”. A raccontare gli inizi della casa di moda Zero&Company, nel corso della festa per i 50 anni dell’azienda, è stata la signora Dora, mamma dei quattro soci, Pasquale, Paolo, Michelangelo e Rosanna.

Ad avviare l’impresa fu suo marito, Mario Vendola, scomparso prematuramente 22 anni fa. Era un meccanico, riparava macchine da cucire e per maglieria. Ma aveva da sempre il sogno di fare il commerciante. E così nel ’73 aprì il primo laboratorio, dove cominciò a produrre corredini per bambini. Iniziò con l’aiuto dei suoi genitori, coinvolse i suoi fratelli, poi arrivarono i figli. Nel ’92 Pasquale aveva vent’anni, voleva far quel lavoro, che aveva imparato ad amare da bambino. Papà Mario gli affidò le chiavi dell’azienda, gli disse di intestarsela e di portarla avanti con i suoi due fratelli più piccoli. E così fecero.

Passione, competenza e amore per il lavoro sono gli ingredienti per la ricetta vincente che ha portato alla crescita della nostra azienda.

“Quando mio padre è mancato ci siamo fatti una promessa e credo che oggi sarebbe orgoglioso non solo dei risultati che abbiamo ottenuto, ma anche della nostra unione”. “La famiglia è tutto per noi”, ha aggiunto Paolo Vendola. “Siamo sempre rimasti uniti e il confronto ci ha aiutati a crescere”. “Abbiamo avuto anche la fortuna di incontrare sulla nostra strada collaboratori, fornitori e soci non soltanto in gamba, ma anche e soprattutto con valori in linea con i nostri”, ha proseguito Michelangelo Vendola. “Non possiamo non ringraziare anche loro”. “Dobbiamo ai nostri genitori quello che siamo oggi, senza il loro esempio non saremmo riusciti a diventare grandi restando comunque umili, come loro ci hanno insegnato”, ha concluso Rosanna Vendola. “I miei ragazzi”, ha chiosato mamma Dora, “hanno realizzato il sogno di Mario, che da lassù li sta guardando ed è certamente orgoglioso di loro”.

Orgogliosi di un successo costruito in 50 anni, come ama dire Pasquale Vendola con Cultura d’impresa, Umiltà, Lavoro sodo e Onestà.[:]